sabato 24 novembre 2007

La porno-prof "Madameweb"nella bufera

A più di un anno dalla sua prima apparizione continua a far parlare di se...Si fa chiamare Madameweb, come un personaggio dell'Uomo Ragno, ed è una vera signora della Rete: sono a decine i siti per adulti che parlano di lei. E in cui la si vede in azione. Fin qui nulla di strano. Se non fosse che Madameweb non è soltanto una delle icone hard della rete, ma anche un'insegnante di Lettere in una scuola media di Pordenone. Una "porno-prof", insomma.

Sospesa dall'insegnamento. La professoressa di lettere di una scuola media serale per adulti, Anna Ciriani, meglio nota come Madameweb per i suoi filmini a luci rosse diffusi su internet, è stata sospesa dal servizio su disposizione del Direttore regionale scolastico.
E' questo l'ultimo sviluppo della vicenda della porno-prof, iniziata dopo la protesta dei genitori dei ragazzini di una scuola media di Pordenone dove insegnava, che non volevano più in cattedra una docente dalla "doppia vita", impeccabile di giorno, senza veli di notte. La porno-prof era stata quindi trasferita in una scuola media serale nella provincia friulana, dove fino a oggi ha insegnato a cittadini extracomunitari adulti per ottenere la licenza media attraverso le "150 ore".

Dalla Sicilia al Piemonte le chiedono ripetizioni di latino; appuntamenti in ostelli e autogrill o discoteche; dialogo non-stop. Un fedelissimo si propone anche di fare una colletta per sostenere le spese legali che la professoressa dovrà affrontare per fare ricorso al decreto che la sospende dall'insegnamento: "I video a luci rosse nella fiera del sesso a Berlino - spiega il fan - sono girati fuori da scuola. Se ogni datore di lavoro dovesse valutare i dipendenti per quello che fanno fuori, che valore avrebbero competenza e impegno professionale?"

I video originali sono su Google Video, compreso quello incriminato. Dopo aver postato il video della fiera di Berlino per un giorno intero ho preso la decisione per non offendere il comune senso del pudore di qualcuno visto che questo blog è aperto a tutti di linkare soltanto il percorso... Buona visione e tenetevi forte se cliccate...
Ne parlano su repubblica.it
Ne parlano su corriere.it
Ne paralano su quotidiano.net

Nessun commento: